cosa_sono

Cosa Sono le Sinapsi e Come Funzionano

In questo articolo vi parleremo di un argomento che in pochi conosco. Cercheremo di spiegarvi in maniera semplice, ma completa cosa succede dentro di noi, e che merita quindi di essere conosciuto. Parliamo delle sinapsi. Si sa che gli strumenti funzionali ed anatomici del nostro cervello sono i neuroni, ma non tutti sanno in che modo essi svolgeranno il loro compito.

Ma prima di incominciare, un pò di anatomica

I neuroni sono formati da dei dendriti, che vengono stimolati da alterazioni ambientali o dalle attività delle altre cellule, da una parte più estesa chiamata corpo cellulare o soma, che contiene il nucleo, da dei filamenti fibrosi chiamati assoni ed infine dalle terminazioni simpatiche.

Gli assoni terminano con una zona più larga chiamata bottone sinaptico, che di solito è posizionato vicino ad un altro neurone.

Questi ultimi contengono delle sostanze chiamate neurotrasmettitori, che si trovano disposte all’interno di vescicole sinaptiche. Saranno proprio gli assoni a svolgere lo strabiliante compito di diffondere gli impulsi nervosi.

I neuroni infatti necessitano di un processo per comunicare fra di loro. Qui entrano in gioco le sinapsi, che svolgeranno il loro dovere per congiungere e quindi far comunicare le cellule.

Tenete a mente che la comunicazione non avviene solo in conseguenza di due neuroni, essa avviene anche fra un neurone e le cellule muscolari e sensoriali. I neuroni sono costituti anche dalle terminazioni sinaptiche.

Per facilitarne l’apprendimento le possiamo benissimo suddividere in sinapsi elettriche e sinapsi chimiche, con questa divisione riuscirete a comprendere i meccanismi con la quale esse funzioneranno.

Le sinapsi elettriche 

Una sinapsi elettrica sarà sempre costituita da una cellula, che può essere anche neurale, collegata tramite una specifica giunzione, chiamata giunzione gap.  Quest’ultima permetterà l’avvicinamento tra le coppie di cellule in modo da far scambiare da una e l’altra gli ioni.

Le sinapsi chimiche

Le sinapsi chimiche sono le più diffuse e sono formate da un neurone che verrà chiamato neurone “pre-sinaptico” dovuta alla sua posizione che sarà per l’appunto prima della sinapsi, in uno spazio fra due cellule, questo spazio verrà chiamato spazio sinaptico e infine sarà costituito da un’ultima cellula che prenderà il nome di cellula post-simpatico proprio perché è posiziona alla fine della sinapsi.

L’impulso viene emanato dal neurone pre-sinaptico fino a raggiungere il bottone sinaptico, di cui vi avevamo parlato in precedenza.

Al raggiungimento del bottone sinaptico le vescicole al suo interno cominceranno a unirsi e a fondersi con la membrana facendo disperderne il loro contenuto nello spazio sinaptico fino a raggiungere la membrana della cellula post sinaptica, dove al loro interno sono situati alcuni recettori particolari con cui legheranno.

Questi recettori sono di vario genere. Possono essere collegati a proteine, che dopo una lunga serie di meccaniche portano al raggiungimento del compito. Ma possono anche essere loro stessi dei canali dove gli ioni comunicano fra di loro attraversandoli.

Tenete a mente che a seconda della cellula post-sinaptica il neurotrasmettitore può variare, quindi può capitare che non sia sempre lo stesso. Può anche succedere qualche volta che lo scambio di neurotrasmettitori non avvenga.

Questa conseguenza avviene e dipende da varie fattori. Può succedere che il neurotrasmettitore venga richiamato dalla cellula pre-sinaptica, o può anche succedere che il neutrasmettitore subisca una degradazione causata dagli enzimi che si trovano durante il loro tragitto nello spazio sinaptico.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *